Passa al contenuto principale
Oltre 150 anni di storia
Un eredità di oltre un secolo, la storia milanese vista con gli occhi degli ospiti più prestigiosi del suo Hotel più raffinato

Storia

Scopri di più sulla storia del nostro Hotel di Lusso a Milano

Il progetto fu affidato all'architetto Andrea Pizzala, acclamato professionista, noto soprattutto per aver realizzato qui a Milano la Galleria De Cristoforis nel 1831.

L'edificio era più piccolo rispetto a quello attuale. Un palazzo dallo stile eclettico, la cui facciata e gli ornamenti presentano molti riferimenti decorativi al repertorio neogotico. Questi riferimenti architettonici sono stati ispirati da opere pubblicate in quegli anni, e influenzati dal movimento romantico inglese: quello che viene comunemente definito ""Gothic Revival"".

Verso la fine dell'Ottocento l'Hotel acquisì una notevole importanza, essendo l'unico in città dotato di servizi postali e telegrafici. Per questo l'Hotel è stato spesso frequentato da diplomatici e uomini d'affari. L'Hotel disponeva di circa duecento camere, ascensore idraulico “Stigler” (recuperato durante i recenti lavori di ristrutturazione e ancora in uso), piccolo giardino d'inverno e sale da pranzo riccamente arredate.

I clienti più prestigiosi

L'Hotel annovera da sempre tra i suoi ospiti nomi di fama nazionale ed internazionale. Il più illustre fu il Maestro Giuseppe Verdi, che qui soggiornò dal 1872, alternando la sua vita lavorativa in città all'ambiente rilassante della sua campagna casa a Sant'Agata. In quegli anni Verdi lavora a lungo prima su “Otello” e poi su “Falstaff”.

In quel periodo la contessa fu sconvolta dalla morte della sua unica figlia e riprese la sua vita sociale solo dopo l'avvio di un salone culturale nella sua casa, dove si riunivano personaggi influenti come Manzoni, Cattaneo, Correnti, Manara, Balzac e Rossini e discutere di una varietà di argomenti, legati al contesto sociale, culturale e politico attuale. Fu nel salone della Contessa che Verdi, tormentato dalla morte della moglie e dei figli, trovò la nuova ispirazione che lo portò al trionfo del ""Nabucco"".

Dopo quarant’anni di assenza e quindici di silenzio, il 5 febbraio 1887, Verdi tornava alla Scala con “Otello”. Fu un gran giorno. Già prima di sera la città intera era in agitazione. Tutti in quella giornata invernale, erano in strada; organetti suonavano arie verdiane; ovunque si gridava “Viva V.E.R.D.I.!”. Inno che aveva un doppio significato: oltre a ricordare con amore il Maestro, l’esclamazione significava anche “Viva Vittorio Emanuele Re d’Italia”.

 

Dopo la prima rappresentazione di “Otello”, come usava per i grandi trionfi teatrali, la carrozza che riportava Verdi al “Milan” (come veniva chiamato affettuosamente il Grand Hotel et de Milan)  era stata staccata dai cavalli ed era stata trainata a braccia  dai milanesi. Appena arrivato nel suo appartamento in hotel, Verdi fu richiamato a gran voce dal popolo radunatosi sotto al suo balcone. Il maestro si affacciò in compagnia del tenore Tamagno che cantò alcune arie dell’opera per la folla delirante.

 

Altrettanta folla sostò davanti al “Milan” nel periodo in cui Verdi era gravemente ammalato. Due o tre volte al giorno il Direttore faceva affiggere all’ingresso dell’albergo i bollettini con lo stato di salute del Maestro. La paglia fu sparsa su via Manzoni per attutire i rumori delle carrozze e dei cavalli, e non disturbare così l’agonia del Maestro. Ancora oggi all’esterno dell’hotel è affissa una targa che riporta questa scritta: “Questa casa fece nè secoli memoranda Giuseppe Verdi che vi fu ospite ambito e vi spirò il dì 27 gennajo del 1901. Nel primo anniversario di tanta morte pose il comune per consenso unanime di popolo a perpetuo onore del sommo che avvivò nei petti italici con celestiali armonie il desiderio e la speranza di una patria”.

Nel pomeriggio del 30 aprile 1888, l’allora proprietario dell’hotel signor Spatz, accoglieva con tutto il personale schierato le Loro Altezze Imperiali Dom Pedro II di Braganza e l’Imperatrice Teresa Cristina di Borbone. Per l’occasione Spatz, aveva provveduto a ridecorare gli appartamenti reali ed a trasformare l’ingresso e le scale dell’albergo in un lussureggiante giardino tropicale.

Durante il soggiorno, l’Imperatore si ammalò gravemente di pleurite. Il suo rientro in Brasile fu diplomaticamente ritardato, consentendo a sua figlia, la reggente Donna Isabella, di firmare in Brasile la famosa e contrastata legge che aboliva la schiavitù.

Spatz commissionò per questo avvenimento una statua allegorica raffigurante un’india piumata che “uccide i serpenti della schiavitù”. La statua è tutt’ora custodita all’ingresso dell’hotel.

 

Nell’aprile del 1902 arrivò in hotel il grande tenore Enrico Caruso, che veniva a Milano per cantare alla Scala una nuova opera diretta da Toscanini, intitolata “Germania”. Fred Gaisberg, pioniere dell’incisione fonografica della “Gramophone Company”, fu entusiasta di quella voce, ma la Gramophone Company, intenzionata a registrare un disco, si tirò indietro dopo aver appreso che Caruso pretendeva 100 sterline per accettare di incidere. Allora Gaisberg decise di finanziarlo personalmente. Così in un appartamento del Grand Hotel et de Milan avvenne la registrazione del primo disco a matrice piatta della storia della musica. Caruso in piedi davanti ad un imbuto metallico che un muro separava da uno strano marchingegno destinato a raccogliere la voce, cantò dieci arie d’opera. Il lavoro durò due ore. Alla fine Caruso intascò le 100 sterline ed andò a pranzo. Gaisberg ebbe una grande intuizione a sponsorizzare quello che divenne poi uno dei più famosi tenori al mondo.

Caruso, in piedi davanti a un imbuto metallico, separato da un muro da uno strano apparecchio di registrazione, cantò dieci arie d'opera. La registrazione durò due ore. Alla fine, Caruso incassò le sue 100 sterline e andò a pranzo. Gaisberg ha avuto una grande idea quando ha deciso di sponsorizzare l'uomo che è poi diventato uno dei tenori più famosi al mondo.

E arriviamo così agli anni venti. Una delle ospiti più straordinarie, vera figlia degli anni folli, fu la pittrice “femme fatale” Tamara de Lempicka.

La bella pittrice polacca era ospitata al Milan dallo scrittore Gabriele D’Annunzio. Pare che il poeta fosse invaghito di lei e che volesse farsi fare un ritratto al Vittoriale. Nell’appartamento a lei dedicato sono presenti alcune lettere che testimoniano una fitta corrispondenza tra Tamara e Gabriele.

Il Grand Hotel et de Milan fu completamente rinnovato nel 1931 e dotato di bagni con moderni impianti sanitari, acqua corrente e telefono in ogni camera. Il suo elegantissimo American Bar era frequentato dalla migliore società. Il ristorante, già allora il più rinomato di Milano, vantava inoltre una raffinata cucina ed un servizio impeccabile.

Nel 1943, in seguito ad un terribile bombardamento (che colpì anche il Teatro alla Scala), tutto il quarto piano fu distrutto. Successivamente lo Stato Maggiore della 5° Armata americana requisì l’albergo. Il “Milan” divenne il luogo di vacanze premio per i soldati alleati, addirittura l’hotel ebbe un suo “Direttore Militare”. Ci furono feste, balli e concerti nel lussuoso ed esclusivo “restaurant”.

 

Il 24 giugno 1946, finalmente l’albergo ebbe pace.

 

Ancora una volta il “Milan” risorgeva dalle sue ceneri, mantenendo inalterato il suo prestigio. Fu un lungo e faticoso lavoro, quello iniziato subito dopo la guerra  dall’architetto Giovanni Muzio (principale esponente del cosiddetto “stile Novecento”), lavoro che restituì alla città l’albergo di più antica ed alta tradizione, degno della fama internazionale che si era creato.

Maria Meneghini Callas soggiornava spesso al Grand Hotel et de Milan tra il 1950 e il 1952 quando assisteva a spettacoli alla Scala. Lei e Meneghini, il suo primo marito, potevano discutere per ore alla reception davanti alla loro cassetta di sicurezza aperta. la scelta dei gioielli da indossare.

Nel 1969, con la nuova gestione, l'imprenditore Manilo Bertazzoni decise che era giunto il momento di rinnovare la hall principale, la reception dell'Hotel e le camere per infondere un tocco più contemporaneo agli arredi degli anni Quaranta. La presenza della figlia Daniela e il suo compagno, il fotografo di moda Rocco Mancino, hanno reso la “Milano” un punto di riferimento per fotografi, modelle, designer, artisti e tutto il “mondo scintillante” che li circonda, diventando un set per servizi fotografici e sfilate di moda.

Per la prima volta in assoluto, l'Hotel è stato utilizzato come luogo per esporre stilisti ancora sconosciuti. Durante la settimana della moda non era raro incontrare giovani stilisti che avevano allestito i propri showroom nei luoghi più insoliti per quel tempo. Ogni angolo dell'Hotel è stato adibito a questo scopo: la hall, le camere da letto, i guardaroba al piano terra e anche il vecchio ascensore Stigler - allora fuori servizio e bloccato al piano terra - sono stati utilizzati per esporre le più svariate mode Accessori. Una Rolls Royce Silver Cloud d'epoca, con un autista in divisa, era parcheggiata davanti all'ingresso dell'hotel in attesa di portare gli ospiti dell'hotel ovunque volessero. Il ""Milan"" era diventato un Hotel vivace e alla moda.

L'inizio degli anni '70 ha visto il boom del “pret à porter” italiano. In questa occasione l'Hotel ha aperto ufficialmente al mondo della moda. Ferré e il suo produttore Mattioli hanno utilizzato l'Hotel per la loro prima contaminazione. Molti altri sono stati “battezzati” qui prima di intraprendere la strada verso la celebrità. Questo fu l'inizio della vita alta con eventi concerto-tè alle 5 in punto, i tradizionali cocktail il 7 dicembre, in occasione dell'inaugurazione del Teatro alla Scala, e Gran Galà di Capodanno.

Il"" Milan ""è sempre stato una sorta di"" Dependance ""della Scala. Uno dei suoi frequenti ospiti, Severino Gazzelloni, famoso flautista etichettato come"" Flauto d'Oro "", era solito provare qui in silenzio nel primo pomeriggio. Molti le stanze erano comunicanti, anche se con doppie porte chiuse. Il Maestro ha sentito un bussare e ha pensato che stesse facendo troppo rumore ed è sceso di un'ottava. Ha sentito di nuovo un bussare così ha abbassato ancora di più il volume della sua musica, quasi impercettibile. A quel punto, la voce morbida di una donna lo pregò di suonare più forte in modo che potesse godersi il bellissimo suono dalla privacy della sua stanza.

Vittorio De Sica fu un altro ospite fisso. Nel 1974, per le riprese del suo film“ Il Viaggio ”(in cui recitava con Sophia Loren), fu allestita una camera da letto nel soggiorno di quella che un tempo era la Suite di Verdi . Richard Burton e la giovane Annabella Incontrera occupavano l'alcova. Spesso si poteva incontrare Burton nel bar lounge, sorseggiando un bicchiere di vodka.

Durante i più recenti importanti lavori di ristrutturazione effettuati tra il 1990 e il 1993, è stata riportata alla luce parte del grande muro di difesa costruito nel 250 d.C. dall'imperatore Massimiano. Questo rappresenta una caratteristica importante per la difesa di Milano, simbolo e confine della città. Il nucleo della struttura è costituito da un conglomerato di scandole e frammenti di laterizio legati tra loro da uno stucco molto resistente. Oggi, i resti accuratamente restaurati possono essere ammirati scendendo dal ristorante Don Carlos alla sua cantina. I ruderi si trovano al centro della sala e circondati da prestigiosi vini italiani e internazionali.

L'importante ristrutturazione ha recuperato alcuni degli ultimi elementi architettonici precedentemente cancellati dai precedenti lavori di restauro, come i pilastri in granito del bar, il salone principale e l'antico ascensore. L'importante restauro conservativo è stato necessario per ripristinare le parti monumentali, riportare in ordine e apportare adeguamenti normativi e tecnologici per ricreare l'originario splendore del Grand Hotel et de Milan, conservando l'antico fascino di una nobile residenza milanese dell'ottocento. Tra i nostri tanti amici, un ringraziamento speciale va a Franco Maria Ricci, Touring Club Italiano, Teatro alla Scala, Museo Enrico Caruso, Sig. Mazzocchi, Dott. Ing. Buccoliere.

Torna in alto